Pagina prodotti

Psichiatria

Psiche

Non possiamo vedere la psiche come vediamo i corpi. Eppure non c’è nulla di più reale della nostra componente immateriale. Sono tangibili le azioni che produce, intense le passioni che smuove, laceranti e distruttive le sofferenze che genera, tenendo in ostaggio la vita. Questo pulsare di energia psichica non avviene nel vuoto, ma nella società e nella storia. Mentre la frattura ossea di un europeo di oggi è simile a quella di un antico egizio o di un indio precolombiano, una lesione della psiche è del tutto diversa. Per larga parte della vicenda umana è prevalsa una condizione partecipativa, fusionale, in cui – con l’aiuto di cerimonie collettive e di convinzioni profonde – i contenuti psichici inconsci venivano proiettati nel mondo circostante. La modernità invece, attraverso l’eclisse del sacro e l’espansione della coscienza, fa tornare lentamente le proiezioni nell’individuo. Uno spostamento titanico, previsto sia da Freud sia da Jung, che esalta la libertà personale, ma crea una nuova fragilità: rende solitarie le emozioni, e alimenta le patologie della psiche postsociale. Luigi Zoja, tra i maggiori analisti junghiani, osserva da vicino queste dinamiche, sciogliendo diversi equivoci. A cominciare dallo statuto della psicoanalisi, non assimilabile alle scienze naturali e al modello medico di cura come ripristino di uno stato preesistente. «Lo svuotamento completo dell’inconscio non è possibile … Sarebbe quindi innaturale abolire ogni proiezione, sperando di trasformarla in consapevolezza».

Autore: Zoja, Luigi
Anno: 2015
ISBN: 9788833926407
Num. Pagine: 160
Editore: Bollati Boringhieri

Prezzo: 11.00€
9.35€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

La terapia razionale emotiva comportamentale. Guida per la pratica clinica e per la formazione

A distanza di oltre mezzo secolo dalla sua fondazione, la Terapia Razionale Emotiva Comportamentale (REBT) continua ad essere il punto di riferimento essenziale per chi opera nell’ambito della prospettiva cognitivo-comportamentale: scopo di questo volume è fornire una guida pratica all’applicazione delle procedure e delle tecniche di REBT aggiornata ai più recenti progressi della ricerca. Diretto a chi ha già acquisito, o sta acquisendo, una formazione clinica e desideri integrarla e approfondirla con maggiori e più dettagliate informazioni, il libro è ricco di indicazioni per i terapeuti nonché di strumenti e materiali operativi da somministrare ai pazienti.
Dopo una parte introduttiva sulle basi teoriche della REBT, infatti, l’autore descrive la struttura di un intervento tipo, guidando l’operatore attraverso i principali step terapeutici: l’individuazione del problema principale, la definizione degli obiettivi, la rilevazione del meta-problema, la distinzione tra pensieri ed emozioni, la verbalizzazione e la messa in discussione dei pensieri irrazionali. Completano il volume una rassegna delle più efficaci tecniche immaginative e comportamentali, esemplificazioni di un piano di trattamento e modalità sull’assegnazione e l’esecuzione degli homework, nonché esercitazioni mirate per ogni fase dell’intervento.
Chiaro, agile da usare nella pratica clinica e facilmente generalizzabile a un’ampia tipologia di casi, La terapia razionale emotiva comportamentale è una guida d’uso indispensabile per una completa ed efficace preparazione del terapeuta REBT.

Autore: Di Pietro, Mario
Anno: 2015
ISBN: 9788859006046
Num. Pagine: 171
Editore: Erickson

Prezzo: 23.00€
19.55€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

Compendio di psichiatria per le professioni socio-sanitarie

Uno strumento utile per gli studenti di medicina, psicologia e delle professioni sanitarie, ma anche per gli operatori infermieristici e socio-sanitari e per le altre figure professionali che si dedicano quotidianamente alla salute e alla cura. Un testo semplice, scorrevole e facilmente fruibile, che permette una lettura di immediata comprensione dei diversi quadri patologici oggi esistenti.
In un contesto ove si rischiano nette divisioni tra il difficile processo della diagnosi e l’ascolto e l’accoglienza dell’altro, il volume rappresenta una guida di rapida consultazione sul piano nosografico – grazie al riferimento ai moderni sistemi di classificazione – e su quello fenomenologico di incontro con realtà spesso difficili da comprendere.
Ogni capitolo vuole rappresentare un percorso di conoscenza dei quadri e delle situazioni di disagio e di sofferenza oggi maggiormente diffusi, offrendo un accompagnamento nella comprensione e costituendo uno strumento per stare di fronte all’altro che soffre nella prospettiva dell’ascolto attivo e della cura. Vengono, inoltre, riportati i criteri di riferimento tratti dal DSM nella sua ultima edizione – la quinta – per inquadrare i segni e sintomi caratteristici di ciascuna patologia ed anche riferimenti sul trattamento farmacologico e psicologico. Ciò che caratterizza l’intero testo è il mantenimento di uno sguardo curioso e aperto alla realtà dell’altro, condizione imprescindibile nel momento in cui si compie la scelta di diventare “ascoltatori dell’umano”.
Il volume – anche grazie al taglio e al linguaggio utilizzato – rappresenta un utile strumento per gli studenti di medicina, psicologia e delle professioni sanitarie, ma anche per gli operatori infermieristici e socio-sanitari e per le altre figure professionali che si dedicano quotidianamente alla salute e alla cura.

Autore: Cornaggia, Cesare Maria - Clerici, Massimo (a cura)
Anno: 2015
ISBN: 9788820439231
Num. Pagine: 200
Editore: Franco Angeli

25.00€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

Psicologia clinica, psichiatria, psicofarmacologia. Uno spazio d'integrazione

Il testo prende in esame i diversi disturbi descritti nel DSM 5 e dimostra come sia possibile un’integrazione tra intervento psicoterapeutico e psicofarmacologico, tra psichiatria e psicologia clinica. Vengono fornite precise indicazioni pratiche, suggerimenti e prospettive per tale integrazione, con pochi rimandi teorici e molta pratica clinica.
Psicofarmaci e psicoterapia sembrano avere pregi e difetti spesso complementari: i primi, efficaci, rapidi, poco costosi (anche se non sempre) e poco impegnativi, hanno però effetti collaterali, sono un po’ deresponsabilizzanti e, soprattutto, non insegnano a fronteggiare i problemi; la seconda, lenta, faticosa, costosa, insegna però a reagire e contribuisce a modificare idee ed atteggiamenti irrazionali.
Lo psicologo, anche se non è abilitato alla prescrizione, si trova comunque a seguire pazienti che usano psicofarmaci: questa è la norma quando si hanno in terapia pazienti anziani, bipolari, psicotici, depressi. Lo stesso però si nota anche con pazienti con disturbi ansiosi e (spesso con minori giustificazioni) con disabilità intellettiva, diagnosi ADHD, disturbo dello spettro autistico e disturbi di personalità.
Il testo prende in esame molti diversi disturbi descritti nel DSM 5 e dimostra come, nei fatti, sia possibile, e talvolta auspicabile, un’integrazione tra intervento psicoterapeutico e psicofarmacologico, tra psichiatria e psicologia clinica. Vengono quindi fornite precise indicazioni pratiche, suggerimenti operativi e prospettive per tale integrazione, con pochi essenziali rimandi teorici e continui riferimenti alla pratica clinica.

Autore: Rovetto, Francesco
Anno: 2015
ISBN: 9788891710796
Num. Pagine: 296
Editore: Franco Angeli

36.00€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

Il training cognitivo per le demenze e le cerebrolesioni acquisite

A sette anni dalla pubblicazione di Demenza, 100 esercizi di stimolazione cognitiva, le autrici propongono nuovi strumenti che, insieme ai precedenti, possono essere utilizzati all’interno dei differenti settori sociosanitari diretti alla riabilitazione neuropsicologica. Questo nuovo volume, integrato dal cd-rom con le schede stampabili degli esercizi proposti, è stato pensato per essere utilizzato anche in programmi riabilitativi rivolti a persone con deficit cognitivi conseguenti a cerebrolesioni acquisite, come ictus e traumi cranici. A differenza del trattamento delle patologie degenerative, che tende a rallentare il decorso inarrestabile della malattia, la riabilitazione neuropsicologica per le cerebrolesioni acquisite ha l’obiettivo di raggiungere il massimo grado di autonomia del paziente attraverso la compensazione o il recupero delle abilità compromesse.
Il CD-ROM allegato contiene oltre 200 schede di esercizi, da stampare e utilizzare secondo le istruzioni.

Autore: Iannizzi, Pamela - Bergamaschi, Susanna - Mondini, Sara - Mapelli, Daniela
Anno: 2015
ISBN: 9788860307538
Num. Pagine: 198
Editore: Raffaello Cortina

Prezzo: 30.00€
25.50€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

Nel gioco analitico. Lo sviluppo della creatività in psicoanalisi da Freud a Queneau

Nella stanza ormai non c’è più solo un paziente che parla e un analista che lo ascolta, alla ricerca di un atteggiamento neutrale, né ci sono due persone che si confrontano con movimenti trasferali, delle quali l’una, l’analista, possiede strumenti per fronteggiare meglio dell’altra ciò che il paziente mette dentro di lui. In questa stanza c’è una gruppalità nuova fatta da tutti i personaggi e le storie che il paziente porta e che l’analista considera anche in base ai suoi personaggi e alle sue storie, per poter costruire assieme al paziente le storie che lui non ha potuto ancora costruire. C’è dunque un gioco nuovo fatto di emozioni e di storie non ancora narrate ed un campo emotivo all’interno del quale viverlo. L’analista deve perciò mettersi in discussione e accettare un coinvolgimento anche sul piano personale (la conarrazione, gli enactments e addirittura la self-disclosure), con la consapevolezza che può ritrovarsi non perfettamente pronto a rispondere con fluidità alle sollecitazioni di chi gli richiede una creatività nuova di cui il paziente ha bisogno per costruire, sognare storie che sono la sua storia futura e finora non possibile. Alcuni esercizi contenuti in questo libro e proposti al lettore, acquistano il senso di oliare, lubrificare, ridare fluidità e recuperare creatività alla mente talvolta indurita, arrugginita dell’analista.

Autore: Ferro, Antonino - Mazzacane, Fulvio - Varrani, Enrico
Anno: 2015
ISBN: 9788857528731
Num. Pagine: 220
Editore: Mimesis

Prezzo: 22.00€
18.70€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

Il corpo e la sua memoria. Dal mancato riconoscimento alla psicosi

Tra i bisogni fondamentali dell’individuo c’è il bisogno di riconoscimento, che si realizza solo nel contesto di una relazione. Nel libro vengono spiegati gli effetti del mancato riconoscimento nelle varie fasi della vita, che può manifestarsi come mancato riconoscimento di genere, del valore della persona, del ruolo sociale, a livello familiare, nella coppia, nel lavoro. L’approccio teorico è quello della psicologia del profondo con le sue applicazioni alla psicosomatica. Il mancato riconoscimento costituisce un trauma che blocca lo sviluppo della personalità dell’individuo, che ne conserva le tracce nel corpo, esprimendosi attraverso i sintomi.

Autore: Gerbino, Claudio
Anno: 2015
ISBN: 9788887771398
Num. Pagine: 224
Editore: Koinè

Prezzo: 20.00€
17.00€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...

L'ultima nascita Psicologia del morire e Death Education

«Si vis vitam, para mortem. Se vuoi sopportare la vita, disponiti ad accettare la morte». Nell’esortazione di Freud, scandita mentre era in atto la carneficina della prima guerra mondiale, riecheggiano i millenni della storia umana, gli immani tentativi di ogni civiltà di fronteggiare quella che è stata chiamata «la regina di tutti i terrori», allestendo gli apparati simbolici che mettevano la morte in continuità con la vita e la accoglievano nel perimetro dei viventi secondo principi socialmente condivisi e canoni ritualizzati. Oggi, dopo che si è interrotta la lunga tradizione di pratiche relazionali intorno al morire – sempre più espulso dal comune orizzonte cognitivo, emozionale e valoriale, ma al contempo oggetto di dibattuti protocolli bioetici che disciplinano le terminalità protratte –, è ineludibile educare alla mortalità. Diffusa da decenni nei Paesi anglosassoni, la Death Education si propone di rinsaldare gli ancoraggi psicologici che consentono di riconoscere i profili dell’angoscia, prevenire i fattori scompensanti del lutto patologico ed elaborare i vissuti di perdita a tutte le età, in particolare durante l’adolescenza, quando è maggiore il rischio di condotte autolesive e ideazioni suicidarie e rimane ancora indefinita la tassonomia di gravità delle esperienze. Un buon esercizio di resilienza, che Ines Testoni prospetta nella sua completa ricognizione dei Death Studies, ma che ritiene essenziale integrare, durante l’iter scolastico, con un potenziamento della competenza spirituale, ossia con una riflessione sul significato della caducità e della finitudine che coinvolga la dimensione intrinseca dell’individuo, al di là di ogni regolamentazione confessionale. Per sottrarre l’inevitabile alla presa devastante dell’emergenza bisogna, fin da piccoli, educare al dolore supremo linguaggi e comportamenti: solo così «chi muore non è abbandonato e non abbandona nessuno».

Autore: Testoni, Ines
Anno: 2015
ISBN: 9788833958835
Num. Pagine: 194
Editore: Bollati Boringhieri

Prezzo: 26.00€
22.10€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...