Pagina prodotti

Della comune intelligenza sana e di quella malata

Nel 1921, per avvicinare i lettori alla sua opera maggiore, La stella della redenzione, che anche gli amici giudicavano di difficile lettura, Franz Rosenzweig si lasciò convincere a scrivere un testo introduttivo. Per costruirlo in modo efficace scelse la via dell’apologo, che prometteva una comunicazione più agevole con il pubblico colto, anche se avrebbe certo indispettito gli intellettuali di professione: nasceva in questo modo il volume Della comune intelligenza sana e di quella malata. La sua stessa genesi lo rende un originale momento di riflessione sulla filosofia, di cui sottolinea la «nativa» contrapposizione con l’uso spontaneo dell’intelligenza, quello che sorregge il comportamento quotidiano dell’uomo comune.
In queste pagine, la cultura occidentale viene metaforicamente descritta come un paziente colpito da apoplexia philosophica acuta, innescata dal potere fuorviante della domanda (aristotelico-metafisica) «che cos’è?», e conseguentemente affetto da paralisi. Lo si potrà curare soltanto inserendolo più direttamente nella relazione con le tre grandi dimensioni entro cui si svolge l’esistenza: l’io, il mondo e Dio.

Autore: Franz Rosenzweig
Anno: 2016
ISBN: 9788874626410
Num. Pagine: 220
Editore: Quodlibet

Prezzo: 16.00€
13.60€Prezzo:
Loading Aggiornamento carrello...